Categorie

Come cambiare la camera d’aria della bici da corsa?

Pubblicato il: 26/11/2020

Tutti gli amanti del ciclismo, prima o poi, si sono chiesti come cambiare la camera d’aria della bici da corsa. Soprattutto per chi è alle prime armi, questa operazione può presentare qualche difficoltà.

Ecco allora una guida completa per sostituire la camera d’aria di una bici da corsa in modo facile e veloce.

Cos’è una camera d’aria?

Prima di scoprire come cambiare la camera d’aria della bici da corsa, è opportuno approfondire in che cosa consiste questo importante elemento. Sembra difficile a credersi, ma quando apparvero le prime biciclette, i pneumatici non esistevano; al loro posto si trovavano cerchi in legno, simili a quelli dei carri, sui quali successivamente furono installate delle coperture.

Queste, a propria volta, non erano piene d’aria, bensì costituite da un unico corpo in gomma, proprio come quelle dei mezzi agricoli, una caratteristica che, se evitava del tutto il rischio di forature, non permetteva tuttavia di pedalare con fluidità, a causa della grande inerzia dovuta al peso.

Nel 1888, lo scozzese Dunlop, mosso dall’intenzione di migliorare le ruote del triciclo del figlio, inventò la moderna camera d’aria. Come? La storia è molto curiosa.

Dunlop, infatti, creò uno pneumatico realizzato con sottili fogli di gomma, che in seguito calzò su appositi cerchi, gonfiandolo con aria a pressione: così facendo ottenne ruote scorrevoli e leggere, che ben presto spopolarono nel mondo del ciclismo dell’epoca.

Le camere d’aria utilizzate nelle bici di oggi hanno una struttura molto simile a quelle inventate da Dunlop, essendo composte da fogli di butile – una gomma sintetica – uniti tra loro all’interno di un apposito stampoQui avviene la vulcanizzazione, che consiste nel  riscaldamento dei fogli di butile e nella legatura chimica a molecole di zolfo, per offrire alla camera d’aria maggiori elasticità e resistenza.

Durante la vulcanizzazione viene anche inserita la valvola per il gonfiaggio, che in questo modo viene inglobata all’interno della camera d’aria stessa. Questo processo, inoltre, permette di ottenere camere d’aria con pareti sottili e uniformi, che mantengono ottimamente la pressione all’interno.

Oltre al butile, le camere d’aria possono essere realizzate anche in lattice, una soluzione che, se da un lato presenta come vantaggi una maggiore elasticità e una migliore resistenza al rotolamento, dall’altro comporta più probabilità di perdere pressione interna e di subire l’aggressione degli agenti chimici (per esempio l’olio) e atmosferici, come la luce solare. 

In base allo spessore – dovuto al numero di fogli di butile di cui è composta – le camere d'aria si dividono in:

  • Standard

  • Superleggere

  • Rinforzate

Come cambiare la camera d’aria della bici da corsa: tutti i passaggi

Le camere d’aria utilizzate sulle bici da corsa di oggi sono progettate per essere particolarmente resistenti e assicurare il miglior comfort di guida possibile.

Tuttavia, a volte capita che durante i tragitti la camera d’aria possa pizzicarsi o forarsi e che, di conseguenza, debba essere sostituita. In questo caso, per prima cosa bisogna rimuovere la valvola, togliendo il controdado che la tiene ferma sul cerchio della ruota e poi sgonfiando il pneumatico, per estrarla dal cerchione.

Successivamente, aiutandosi con due leve, dette caccia gomme (si trovano facilmente all’interno degli appositi kit per la sostituzione delle camere d’aria) si deve sollevare il bordo del copertone, prestando attenzione a non pizzicare la camera d’aria con gli strumenti.

Le leve vanno mosse per tutta la circonferenza del copertone: in questo modo sarà possibile aprirlo ed estrarlo lateralmente senza tuttavia toglierlo dal cerchio della ruota. Il passaggio successivo consiste nel rimuovere la camera d’aria dal copertone, con l’accortezza di partire dalla parte opposta alla valvola.

Prima di procedere alla sostituzione con la camera nuova, è consigliabile controllare l’interno del copertone con le dita, per verificare che non ci siano corpi estranei, che potrebbero causare un’altra foratura.

A volte, la camera d’aria si fora per via di un raggio sporgente: in questo caso è bene coprirlo con del nastro adesivo (anch’esso presente nei kit per la sostituzione delle camere d’aria).

A questo punto non resta che sostituire la camera d’aria, gonfiandola prima leggermente per facilitare l’inserimento all’interno del copertone. Si tratta di una fase molto delicata, perché bisogna fare attenzione a far corrispondere la valvola all’altezza del foro. Una volta effettuata questa operazione, si inserisce la valvola e si avvita parzialmente il controdado. 

Una volta inserita, la nuova camera d’aria deve essere rigonfiata, dopo aver fatto rientrare il bordo del copertoncino nel cerchione. Da ultimo, non resta che avvitare con cura il controdado ed ecco che in poche e semplici mosse qualsiasi ciclista può imparare come cambiare la camera d’aria della bici da corsa!

Forse potrebbe interessarti anche: come gonfiare correttamente le ruote della bici da corsa.

35% di sconto

35% di sconto sulla tua e-mail

Registrati e ricevi via e-mail offerte con sconti fino al 35% su migliaia di prodotti

Ho letto e accetto l'informativa relativa al Trattamento dei Dati Personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679 artt. 13 e 14 e voglio iscrivermi alla newsletter. (*)